Come stipulare la polizza

Come stipulare la polizza

I contratti di assicurazione possono essere stipulati in diversi modi: direttamente presso le Compagnie, mediante intermediari assicurativi (broker), oppure attraverso sportelli bancari, telefono o internet.

Spesso nel caso di acquisto di una vettura nuova, specie se fatto con un finanziamento, la Casa automobilistica propone la copertura furto-incendio compresa nel prezzo, oppure una polizza furto a valore intero.

Se la stipula del contratto avviene presso una Compagnia, questa ha la facoltà di applicare uno sconto, cioè una riduzione del premio R.C.A. rispetto alla tariffa in corso, che andrà indicato in modo chiaro sulla polizza. Attenzione però, perché la Compagnia non è tenuta ad applicare lo sconto anche nelle annualità successive; nel caso in cui lo concedesse nuovamente, andrà indicato chiaramente nella quietanza.

Eventuali riduzioni del prezzo sulle coperture accessorie possono essere ottenuti da alcune Compagnie sulla copertura furto-incendio, nel caso in cui, ad esempio, sia presente un antifurto sul veicolo, oppure questo sia abitualmente parcheggiato in un luogo custodito o chiuso.

Nel caso in cui ci si faccia orientare all'acquisto da un intermediario assicurativo o broker, specie nel caso della sola R.C.A., questi potrebbe richiedere un rimborso per la consulenza specialistica offerta.

Se si ha intenzione di stipulare una polizza on-line o telefonica, è opportuno verificare se la Compagnia o il Broker siano regolarmente autorizzati ad operare sul mercato italiano (presso l'Isvap oppure isvapweb.isvap.it oppure telefonicamente al 06-42133.000 Servizio Tutela Utenti - o assistenza consumatori - oppure allo 06-42133.1 Sezione Albi Intermediari e Periti), poiché esiste la possibilità di entrare in contatto anche con operatori non regolarmente abilitati.

(Per maggiori informazioni consultare la circolare n. 393 del 17 gennaio 2000 che regola il collocamento di prodotti assicurativi tramite Internet.)

Si ricorda che questi tipi di polizza, che possono prevedere sconti anche del 40%, sono convenienti soprattutto per i contraenti con i migliori profili di rischio (buona esperienza, classe bonus-malus bassa) e poco esposti ai rischi della circolazione (ad es. pochi km percorsi, attività professionali che non comportano l'uso del veicolo, etc.). Per le cosiddette "categorie a rischio", invece, i prezzi delle polizze possono subire un'impennata (ad es. giovani fino a 25 anni, residenza in zone a elevata incidentalità, classe di merito alta, etc.).

I costi, spesso inferiori, delle Compagnie che vendono tramite canale telefonico e internet sono giustificati sia da una riduzione dei costi amministrativi, gestionali e di intermediazione dovuti all'utilizzo degli strumenti telematici, sia da una forte personalizzazione della tariffa che, attraverso numerosi parametri, spesso dissuadono i contraenti con maggior sinistrosità dal sottoscrivere una di queste polizze.

Un sempre maggior numero di Compagnie permette di stipulare contratti di R.C.A. dal proprio sito internet; questi consentono risparmi sul premio, spesso rispetto anche a quelle telefoniche. Dopo aver fornito i propri dati e quelli del veicolo, il contraente sottoscrive un modulo elettronico; in caso di accordo il contraente potrà pagare il premio in un'unica soluzione, scegliendo tra più modalità (carta di credito, bonifico bancario, etc.); la quietanza ricevuta è la prova dell'avvenuto pagamento.

Il contratto R.C.A. si conclude mediante sottoscrizione della polizza, pagamento del premio e rilascio, da parte della Compagnia, dei documenti assicurativi: contrassegno e certificato (indispensabili per circolare), nonché le condizioni di polizza.

Solitamente nella R.C.A. il rilascio di certificato e contrassegno equivale a quietanza.

Nel caso di pagamento del premio in contanti, si consiglia di pretendere il contestuale rilascio della documentazione. Per avere maggiori informazioni è possibile consultare la circolare n. 533 del 4 giugno 2004.

Il pagamento con bonifico o assegno intestato alla Compagnia garantisce il cliente da eventuali disservizi o smarrimenti.

Alcune Compagnie permettono di pagare il premio annuale anche con rate trimestrali o semestrali; in questo caso è bene verificare il costo aggiuntivo di frazionamento che è applicato.

È da ricordare che, in caso di stipula di un contratto a distanza, l'eventuale errore o inesattezza riguardo alle informazioni fornite possono causare il recesso dal contratto o un ricalcolo del premio.

La Compagnia "a distanza", una volta accertato il pagamento, invierà per fax al contraente un documento provvisorio che lo abiliterà temporaneamente alla circolazione, con una validità massima di 5 giorni, entro i quali la Compagnia dovrà inviare per posta il contrassegno di assicurazione originale e tutta la relativa documentazione (contrassegno, contratto, certificato assicurativo e carta verde).

In attesa di ricevere tali documenti, per evitare sanzioni, è necessario applicare sul veicolo la ricevuta di pagamento del premio che la Compagnia è obbligata a rilasciare tempestivamente.

Il consiglio è di leggere attentamente la nota informativa poiché, in caso di controversia con una compagnia estera, la competenza potrebbe essere attribuita a un giudice straniero, con i disagi che questo potrebbe comportare.

All'atto della conclusione del contratto possono essere consegnati, oltre alle condizioni contrattuali, anche il modello per la richiesta di risarcimento del danno e il modulo blu di constatazione amichevole (opzionali).