A.R.D.

Auto Rischi Diversi

Le polizze Rischi diversi, nel gergo delle Assicurazioni chiamate anche A.R.D. (Auto Rischi Diversi), sono quei contratti assicurativi facoltativi che si occupano di tutti i rischi non coperti dalla R.C.A. obbligatoria (garanzie accessorie). A differenza di quanto accade con la R.C.A., le Compagnie assicuratrici possono: rifiutare queste coperture; decidere contrattualmente termini e modi del risarcimento; stabilire una franchigia variabile a seconda dei contratti.

Le polizze Rischi diversi, infine, possono contenere clausole che indicano un limite massimo di risarcibilità: nelle kasko, questo può essere rappresentato dal valore commerciale del veicolo.

Tra le polizze del settore Rischi Diversi rivolte al mondo dell'auto ci sono:

  • Furto e incendio
  • Guasti accidentali (Kasko)
  • Infortuni del conducente
  • Assicurazione relativa alla sospensione della patente di guida
  • Eventi atmosferici
  • Atti vandalici

La polizza furto-incendio

È un contratto di assicurazione che garantisce determinati beni contro eventi dannosi determinati da furto o incendio (nella R.C.A. del proprio veicolo).

La garanzia furto di solito comprende i danni materiali e diretti derivati sia dal furto totale sia dal furto parziale. Può risarcire anche, secondo modalità prestabilite, le avarie del veicolo conseguenti ai tentativi di furto (effrazione).

La copertura incendio, invece, copre i danni subiti dalla vettura, sia in circolazione sia parcheggiata, causati da incendio; generalmente la risarcibilità si estende anche a terzi, come, per esempio, un box in affitto in cui è custodito il veicolo. In generale si definisce incendio un fenomeno di combustione con fiamma che coinvolge beni materiali, assicurativamente rilevante quando si manifesta fuori dallo specifico focolare potendosi autoestendere e propagare. Più specificatamente per incendio si può intendere: fuoco, fulmine, scoppio, esplosione, caduta aerei, acqua condotta, urto veicoli stradali; nonché condizioni aggiuntive o speciali che vengono specificatamente convenute quali, ad esempio, eventi atmosferici, eventi socio-politici, danni indiretti, spese di ricostruzione, fenomeno elettrico, rischio locativo, ricorso di terzi, etc.

Sono parificati ai danni da incendio (combustione, con fiamma, di beni materiali che può propagarsi e autoestendersi) i guasti cagionati per ordine delle Autorità al fine di impedire o arrestare l'incendio.

La quantificazione del premio delle polizze accessorie si calcola sulla base del valore commerciale del veicolo assicurato, desunto dalla fattura di acquisto se nuovo, dalle quotazioni di agenzie o riviste specializzate se usato: si applica una tariffa che prevede dei tassi da moltiplicare per il valore dell'auto assicurata. È indispensabile accertare sempre che il valore assicurato sia uguale o leggermente superiore al valore reale della vettura per non incorrere nell'applicazione della regola proporzionale.

La kasko

È una particolare forma di contratto assicurativo del ramo Rischi Diversi. Con questa garanzia la Compagnia si assume i rischi derivanti dalla circolazione del veicolo, stabiliti dalle clausole e indipendentemente dalla responsabilità del conducente, a meno che questi non circoli senza rispettare la legge (ad es. la guida senza patente di solito fa decadere la risarcibilità). In questi casi la kasko può essere operativa solo prevedendolo contrattualmente con ulteriori coperture a pagamento. Le forme di copertura della kasko possono essere:

  • A "valore intero": questa copertura è la più costosa e risarcisce qualsiasi danno occorso al proprio veicolo (anche atti vandalici, calamità naturali o sommosse)
  • A "primo rischio assoluto": l'indennizzo è pari a un massimale prestabilito contrattualmente, indipendentemente dal valore della vettura
  • A "primo rischio relativo": in questo caso il massimale di rimborso è deciso in percentuale rapportata al valore della vettura, per questo motivo è molto importante che si attenzione alla correttezza del valore assicurato, per non incorrere nell'applicazione della cosiddetta "regola proporzionale"
  • A "secondo rischio": è come una "primo rischio relativo", con l'aggiunta di una sostanziosa franchigia
  • A "collisione", detta anche "mini-kasko": stabilisce la risarcibilità solo per i danni derivati da una collisione con altro veicolo identificato

La eventi atmosferici

È una copertura assicurativa poco diffusa in Italia, che prevede solitamente il risarcimento di tutti i danni materiali riportati dal veicolo in seguito a un evento atmosferico (ad eccezione dell'incendio) come: bufera, tempesta, grandine, inondazione, alluvione, tromba d'aria, frana, slavina, valanga e uragano.

L'elenco degli eventi sovrariportati non è tassativo: trattandosi di un'assicurazione facoltativa (come tutte le altre A.R.D.) il contenuto può variare, o essere concordato direttamente con il cliente. Le Compagnie, inoltre, sono sempre libere di decidere (come per le altre garanzie accessorie) se prestare o meno la copertura al cliente che la richiede.

Atti vandalici

Altra forma di garanzia dei contratti di assicurazione del ramo auto rischi diversi (A.R.D.). Dietro versamento di un premio (di solito ridotto), la Compagnia si assume il rischio di pagare i danni derivanti da atti vandalici o teppismo.

In caso di sinistro occorre fare regolare denuncia.